MANOVRE GOVERNO, DI MAULO (Fismic Confsal) BLOCCO INVESTIMENTI CREA SCONCERTO E PREOCCUPAZIONE

IL SINDACATO NON è MORTO
30 ottobre 2018
FCA-CNHI, presentata piattaforma per il rinnovo del CCSL
6 novembre 2018

Segretario Generale Roberto Di Maulo all'Assemblea Nazionale Fismic Confsal

 Roma, 30 ottobre. Torino è un comune no Tav. Un’altra opera che viene sospesa nel nostro Paese e la notizia desta non poca preoccupazione anche all’estero. Le grandi opere come la Tav Torino-Lione e il Tap. Ma anche strade, sottopassi, piste di aeroporto, ferrovie urbane, metropolitane, ponti. Tutti bloccati.

“Siamo il secondo Paese industriale d’Europa, il 50percento del Pil viene dall’industria manifatturiera che soffre però scarsa produttività e alti costi proprio per l’assenza di infrastrutture in grado di tenere il nostro Paese in competizione con i concorrenti” spiega il segretario generale Fismic Confsal Roberto Di Maulo.

“Da questo punto di vista – prosegue – la manovra finanziaria e gli atti delle forze del governo non contribuiscono di certo a produrre sviluppo e occupazione. La decisione del Consiglio di Torino ricade in un quadro di blocco di investimenti pubblici che crea preoccupazione e sconcerto”.

“La Fismic Confsal intende aderire a tutte le iniziative promosse da associazioni e/o sindacati che intendono mettere in campo le forze democratiche e riformiste contro una visione medievale del nostro Paese” conclude.

 

Vedi il pdf