Cnhi, 2miliardi di investimenti in Italia. Di Maulo (Fismic Confsal) governo sblocchi i finanziamenti già stanziati per i veicoli militari

Fca: diesel ed elettrico per il futuro di Pratola Serra
30 novembre 2018
Incontro CAE (Comitato Aziendale Europeo)
3 dicembre 2018

Immagine dal web

Torino, 30 novembre. Al termine dell’incontro con l’ad Hubertus M.Muehlhaeuser e il ceo per la regione Emea Derek Neilson, è emerso l’impegno del gruppo Cnh Industrial di investimenti per 3miliardi di dollari in Europa di cui 2miliardi in Italia dove sono presenti 18mila dipendenti tra 17 stabilimenti produttivi e 3 centri di ricerca.

“Dei 2miliardi, circa 450milioni saranno investiti nelle strutture mentre 1,5miliardi saranno destinati al miglioramento delle linee dei prodotti e nel settore ricerca e sviluppo” spiega il segretario generale Fismic Confsal Roberto Di Maulo.

“Nonostante la congiuntura economica in fase di rallentamento in tutta Europa, aggravata dalle tensioni in Ucraina dal peggioramento del clima che ha fortemente penalizzato l’agricoltura del nord Europa, e la coda di alcune ristrutturazioni non ancora completate, ci riteniamo soddisfatti nell’aver incontrato un’azienda che ha nel suo Dna la voglia di reagire e affrontare la competizione salvaguardando l’occupazione e la produzione nel nostro Paese. Si segnalano in positivo lo stabilimento di Foggia per il quale è previsto il lancio di 2 nuovi motori Euro6D e quello di Suzzara che continua a migliorare le performance sul veicolo commerciale Daily. Molta, invece, la preoccupazione per tutto il settore delle costruzioni. In particolare, lo stabilimento torinese di San Mauro” prosegue.

In conclusione il leader Fismic spiega segnala che “il ritardo con cui il governo non decide lo sblocco dei finanziamenti, già stanziati, per i veicoli militari rischia di compromettere lo stabilimento di Bolzano che vince gare per la fornitura dei veicoli destinati ai Marines americani e non riesce a fornire veicoli aggiornati e più sicuri alle nostre truppe impegnati in missioni di pace nel mondo. Chiediamo al ministro della Difesa Trenta e al ministro dello Sviluppo Economico di sbloccare tale imbarazzante situazione”.

Vedi il pdf